E il Sacro Graal… non me lo ridoppiate???


MONTY PYTHON (1975)
Monty Python e il Sacro Graal (a lungo conosciuto soltanto con il nome di “Monty Python” in Italia) è uno di quei pochi film che non posso guardare in italiano per via del doppiaggio (uno è questo, l’altro è Die Hard 2, vedere un mio precedente scritto). Cosa avessero in mente i doppiatori quando ci hanno lavorato nel 1976 è difficile da immaginare a distanza di tanti anni (dovremmo forse chiedere a Pippo Franco), fatto sta che all’epoca fu doppiato con le voci di alcuni comici del bagaglino dando ai vari personaggi dialetti regionali e, in questo modo, distruggendo interamente i divertenti sketch dei comici britannici. Il testo originale scarsamente rispettato e molte battute completamente alterate… ma quando senti Re Artù parlare toscano ti cascano le braccia. Che avessero forse in mente di farne un nuovo Brancaleone?
So che da molti questo film è considerato un cult così com’è ma a parere mio non fa affatto ridere (in italiano), anzi è uno spregio alle trovate comiche del film originale che all’estero, non a caso, è diventato uno dei film più citati di tutti i tempi ed è considerato il lungometraggio più famoso e rappresentativo dei Monty Python.
La vera ironia sta nel fatto che, per l’edizione DVD, questo film è stato conservato così come lo conosciamo mentre hanno sentito il bisogno di ridoppiare “Il Senso della Vita” e “Brian di Nazareth”, altri due capolavori dei Monty Python che non necessitavano di un nuovo doppiaggio… anzi è l’ennesimo malfatto dei distributori italiani! Avranno forse pensato che agli italiani le voci dialettali del “Sacro Graal” piacessero tantissimo.
VOTO DOPPIAGGIO “MONTY PYTHON”: 1 senza rimorsi

No Comments

Rispondi