[VIDEO] Speciale SCATOLA DELLA VIDEOTORTURA n°5

Due film entrano nella scatola, solo uno ne viene estratto. Questa la semplice regola della scatola della videotortura, un episodio speciale della nostra serie di svago cinematografico, i videocommentatori, dedicato ai film che mai riusciremmo a vedere volontariamente
In questo nuovo episodio il sorteggio è tra Nukie (il film preferito da Nelson Mandela) e Esorcista II – L’eretico (nel suo doppiaggio originale), due film legati da un fortuito filo conduttore: l’Africa.

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

10 Comments

  • Lucius Etruscus

    22 Febbraio 2018 at 07:59

    Ma povero Nukie, non riesce proprio a venire al mondo: è un parto difficile! 😀
    Comunque gli eretici siete voi, a trattare male un classico intoccabile 😛 Scherzi a parte, negli anni Ottanta la saga dell’Esorcista era intoccabile, se ne poteva parlare solo bene e ancora dopo il Duemila critici dell’epoca hanno scritto saggi entusiasti. Ovviamente insinunado che sono tutte cose vere e plausibili, successe veramente e buffonate varie. L’occultismo in Italia negli anni ’70 è esploso così forte che ha messo paura pure a Pazuzu, e ancora oggi stiamo sentendo il suo rantolo agonizzante: se da una parte ha portato sui nostri schermi stupidate come questo film, dall’altra ci ha permesso di leggere in italiano i grandi testi classici del genere che nei quarant’anni precedenti erano stati bellamente ignorati dalla nostra editoria. Per me, ci si può stare 😛

    Rispondi
    • Evit

      22 Febbraio 2018 at 08:12

      Il primo esorcista è ancora intoccabile (non per Petar, ma questo è argomento di un precedente episodio della serie) ma il 2 fu un disastro di critica e di pubblico da subito, la curiosità che ho scritto nell’introduzione è vera: all’anteprima un gruppo di spettatori inseguì i produttori presenti in sala fino in strada per menarli. In generale la gente perse la pazienza all’introduzione dell’apparecchio fantascientifico per collegare le menti. Si sentirono traditi. Proprio in virtù dell’amore esagerato verso il primo film, quando uscì questo e la gente non ci ritrovo le stesse cose si incazzarono un po’ tutti. In Italia sicuramente parlano della trilogia nel suo complesso con terrore reverenziale ma, come sai bene, probabilmente avendo visto o avendo sentito parlare solo del primo film.
      Il terzo è un horror non male, sorprendentemente. La distribuzione italiana è stata veramente impietosa poi con il 2 e 3.
      Se non ne fai uno speciale Zinefilo sei proprio un COCUMMO!

      Rispondi
      • Lucius Etruscus

        22 Febbraio 2018 at 09:05

        Gli spettatori dimenticano: c’è stata sul serio gente che è riuscita a dire che Terminator 5 prometteva bene, ma curiosamente poi quella gente non l’ha più ricordato 😀 Scommetti che gli stessi che hanno menato ai produttori poi anni dopo hanno elogiato il film? 😀
        Scherzi a parte, ci ho pensato eccome a fare uno speciale sugli esorcismi, viaggiando anche fra quei film che si rifacevano cialtronescamente all’Esorcista – e ce ne vuole a fare di peggio! – ma ho tanti altri bei cicli in mente prima di ridurmi a quello.
        E poi è uno di quei film troppo in vista, su cui ognuno ha un’opinione – di solito nata dal nulla, non certo da una visione – e sono stati scritti troppi libri di cui dovrei tener conto. Preferisco cicli più ruspanti e possibilmente pù divertenti 😛

        Rispondi
    • Andrea87

      22 Febbraio 2018 at 11:15

      ma infatti! il bello della videorecensione de “L’esorcista” è che si tratta di un classico “intoccabile” che Petar e Evit demoliscono (giustamente IMHO).

      Quando invece analizzano film obiettivamente brutti (tipo questo Esorcista II), c’è poco da deridere perchè fa già pena di suo! xD

      Rispondi

Rispondi