• Home
  • Category Archives: English subtitles for Italian films
  • "Il Secondo Tragico Fantozzi" – English subtitles available

    Messaggio per i lettori di lingua inglese.

    Thanks to the help of my friend Leo I could finally conclude this long-term project of subtitling in English the sequel to Fantozzi (1975), a sequel so deep-rooted into Italians that it can’t be kept secret to the World any longer. If you liked the first movie there is no reason why you shouldn’t watch the second one, that some people consider equal (if not superior) to its predecessor.
    The international release of the first film (Fantozzi, 1975) was distribuited with the title “White Collar Worker” (often wrongly listed as White Collar Blues). So, although I never liked that title, we decided that it was best to stick to the international English title for the sake of continuity and we called this second movie: “White Collar Worker 2 – Once again with sorrow” (this title in particular was suggested by Leo).
    The care and passion that went into the making of these subtitles was considerable, you probably won’t find any Italian comedy with a better quality of “subs”. All the original jokes have been preserved except for a minor one which was impossible to render (the numerical challenge between Fantozzi and Filini that sparks from the German Ambassador’s name “Otto” which in Italian means “eight”).
    We had plenty of fun making them and we went as far as subtitling even the final song, The Ballad of Fantozzi preserving the rymes and the concepts.
    Anyone interested in these subtitles please drop a message in the comments below and I’ll forward the file to your email address.
    Thanks for your interest.

    FOR THE ITALIAN READERS NOW

    Non c’è molto di nuovo rispetto a quello che già dissi qualche tempo fa. I sottotitoli in inglese del film Il Secondo Tragico Fantozzi sono stati completati e finalmente perfezionati con l’aiuto impareggiabile di Leo e alcune revisioni da parte della mia ragazza (britannica), adesso sono ad un livello di perfezione notevole che mi ha soddisfatto completamente. Chiunque fosse interessato a ricevere questi sottotitoli basta che mi lasci un messaggio nei commenti di questo thread e io lo ricontatterò personalmente.
    L’unicha vera novità oltre al perfezionamento dei sottotitoli è che abbiamo optato per restare in linea con il titolo internazionale (White Collar Worker, talvolta erroneamente citato come White Collar Blues) ed è stato quindi intitolato White Collar Worker 2 (con l’aggiunta del sottotitolo “once again with sorrow” proposto da Leo). Non è che abbia mai amato il vecchio titolo originale “White Collar Worker” con cui Fantozzi fu distribuito ma ormai il danno è fatto. Del resto non posso lamentarmi continuamente delle alterazioni dei titoli che non fanno capire l’appartenenza di un film ad una certa serie per poi cadere io stesso nel medesimo errore, non credete? 😉

  • Il Secondo Tragico Fantozzi (with English subtitles)

    [For this post in English please read here]

    È terminata la mia avventura di sottotitolazione in inglese del film IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI [nuovi aggiornamenti sull’argomento li trovate qui]. L’ho fatta essenzialmente per la mia ragazza britannica a cui piacciono i primi due film di Fantozzi ma che purtroppo non è mai riuscita a godersi a pieno il secondo film in quanto non disponibile con i sottotitoli in inglese. Visto che questi appunto non esistono, probabilmente vedrò di far circolare i miei sottotitoli sui vari siti web dedicati (allsubs, opensubtitles, etc) dopo una doppia revisione (da parte della mia ragazza e di Leo, ormai mio braccio destro, sempre se sei interessato Leo).

    L’impresa è durata molto a causa di interruzioni varie ma è stata divertente, mi sono reso conto di non aver mai capito realmente alcune battute finché non sono andato a leggerle su di un trascritto dei dialoghi. Gli unici punti morti di questo film secondo me sono quelli della stagione della caccia e la fuga d’amore a Capri. Difatti me li ero tenuti per ultimi.

    Il mio più grande dubbio rimane, paradossalmente, sulla traduzione del titolo. Dovrei forse chiamarlo “White Collar Worker 2” (talvolta erroneamente citato come White Collar Blues) continuando dunque quel brutto titolo internazionale con il quale Fantozzi è arrivato all’estero? Oppure dovrei limitarmi ad un banale “Fantozzi 2“? Oppure ancora cercare di tradurre quell’assurdo titolo (Il secondo tragico Fantozzi) che, ahimé per quanto divertente, sembra funzionare solo in lingua italiana?
    Accetto suggerimenti ma non mi dite “The Second Tragic Fantozzi“!

    Progetti futuri

    Ho in mente un giorno di sottotitolare in inglese altri film italiani come Così parlò Bellavista, Il mistero di Bellavista (di questi due dovrei verificare prima la fattibilità linguistica e recuperare i libri in inglese), Dove vai in vacanza? o quanto meno il suo segmento “Le vacanze intelligenti”, come può il mondo anglosassone perdersi la coppia Sordi-Longhi alla Biennale di Venezia? Il comune senso del pudore [primo segmento con Sordi] (simile come personaggi a quello delle vacanze intelligenti), I complessi, I nuovi mostri, Quelle strane occasioni, e forse il film italiano più bello di tutti: Signore e signori, buonanotte.
    Eh sì, mi piacciono le commedie italiane a episodi. Mi piacerebbe lavorare anche su un paio di film di Verdone (Un sacco bello e Bianco, rosso e Verdone), tuttavia queste sono soltanto vaghe idee. È più facile che realizzerò prima alcuni episodi dai film “Dove Vai in Vacanza?” e “Il Comune Senso del Pudore” che sono favolosi e forse altri da “Signore e signori, buonanotte” (come quello del “Santo Soglio” con Manfredi). Se possibile li metterò su Youtube.

  • TITOLI ITALIOTI (19^ PUNTATA) – Titoli italiani tradotti in inglese

    TITOLI ITALIANI TRADOTTI IN INGLESE

    No, in Italia non siamo i soli ad alterare vistosamente i titoli originali. Succede anche l’inverso, ovvero che i titoli italiani vengano alterati in inglese. Sebbene io vi possa offrire una ben minor gamma di esempi (sono ben pochi i titoli italiani esportati all’estero se comparati con la marea di film in inglese che viene importata in Italia) è comunque possibile farsi un idea leggendo la seguente lista:

    Fantozzi –> White Collar Worker o White Collar Blues

    Purtroppo mi sfugge il presunto significato del titolo inglese White Collar Blues (azzardo un “depressione da impiegato” o, come mi viene suggerito, può essere inteso come “ballata dell’impiegato”, il che è probabile visto ciò che vi dirò a breve) e mi sono sempre chiesto chi abbia scelto di cambiare il titolo originale; che sia una proposta nostrana per i mercati esteri o una scelta arbitraria da parte dei distributori stranieri per un pubblico che non avrebbe compreso il significato di quella parola contenente due lettere zeta una dopo l’altra… per complicare il tutto, ho scoperto che White Collar Blues è molto probabilmente un errore propagato via internet, il titolo in inglese con cui approdò all’estero era in realtà sembra che fosse White Collar Worker, cioè “impiegato”. Penso che quel “blues” si riferisse invece alla canzone finale di cui ho trovato traccia persino in India!
    Certo, il titolo “Fantozzi” in Italia all’uscita del film si presentava da solo in quanto era stato un fenomeno editoriale già cinque anni prima, senza contare che il personaggio era ben noto dai vari sketch televisivi a partire dal 1968. È chiaro che per un paese che non ha mai sentito parlare del personaggio, il cambiamento di titolo era indispensabile.
    La versione in inglese esiste (ovviamente sottitolata) ma purtroppo con la sua sottotitolazione viene meno gran parte dell’ironia del film che si basa prevalentemente proprio su un linguaggio ricercato, inventato o arcaico. Non sorprendentemente, Fantozzi è assai poco conosciuto all’estero e a buon ragione, difatti se vi andate a leggere i sottotitoli in inglese disponibili on-line vi renderete subito conto di quanto la traduzione sia povera.
    Mi sono prodigato personalmente nel correggere e ampliare i sottititoli inglesi esistenti per il primo Fantozzi e sto al momento lavorando (a tempo perso) alla sottotitolazione del Secondo Tragico Fantozzi (30 min ancora da finire).
    Questo perché il Secondo Tragico Fantozzi non esiste sottotitolato e a mio avviso è un peccato avere la disponibilità del primo ma non del secondo, considerando che quest’ultimo è il più divertente della serie (serie che purtroppo in quanto a divertimento arranca al 3° capitolo e lì termina).
    I soliti ignoti –> Big deal on Madonna Street
    Il suo sequel è noto come “Hold-up à la Milanaise” o “Fiasco in Milan” con nessun riferimento né al titolo originale né alla fantasiosa “Madonna street”. Tra l’altro quel “madonna street” è un po’ come se noi chiamassimo un film americano “Grosso guaio in via Awanagana” o “Colpo grosso in via Chewingum“, ma va be’.
    Un altro abominio è accaduto con “I Mostri” di Dino Risi, noto nel mondo anglosassone come “15 from Rome” (che voglia fare un verso a questo film?) o anche “Opiate ’67“. Il film difatti è del ’63 ma fu distribuito in America soltanto nel ’67/’68 (per questo l’anno del titolo è ’67). Al suo sequel “I nuovi mostri” venne invece dato il titolo di “Viva l’Italia!“. Viva la fantasia più che altro.
    Amici miei” è sbarcato in America come “My Friends” anche se io personalmente lo avrei forse tradotto con “My dear friends“, opzione invece adottata da altri paesi come quelli di lingua portoghese, spagnola e dai francesi. Lo si trova in inglese anche come “All my friends” che secondo me è anche peggio di “My friends“.
    Sempre di Monicelli, “I Compagni” è conosciuto come “The Organizer“. Viene eliminato dunque qualunque riferimento al comunismo (almeno dal titolo), argomento molto scottante nel ’63 per gli Stati Uniti. Nel film infatti Mastroianni aiuta i lavoratori ad organizzare uno sciopero e quindi “the organizer” è a lui riferito.
    Per rimanere in tema Monicelli, mentre “Brancaleone at the Crusades” è il titolo (correttamente tradotto) di “Brancaleone alle Crociate” non altrettanto bene andò al primo film, “L’Armata Brancaleone” tradotta come “For Love and Gold” oppure (molto meglio) “The Incredible Army of Brancaleone“. Almeno non si chiama “Mamma mia, the crusaders!
    Infine l’intera produzione di pepla come le serie di Maciste, di Ercole, di Sansone, di Golia etc… hanno quasi sempre un titolo americano alterato. Una curiosità: il genere del “peplum” nel mondo anglosassone è invece definito “Sword & Sandal” (ovvero “spada e sandalo“, una variante di “cappa e spada“).