• Home
  • Tag Archives:  Richard Matheson
  • [Italian credits] Cose preziose (1993)

    cosepreziose_d
    Dopo Shining (1980), ecco questa settimana i titoli italiani dimenticati di un altro film tratto da un romanzo di Stephen King: Cose preziose (Needful Things, 1993) diretto da Fraser C. Heston.
    L’edizione di riferimento è una VHS Cecchi Gori purtroppo senza data. Il film arriva nei cinema italiani il 1° aprile 1994 e vi resta fino all’autunno, mentre il “Torino Sette” del 17 febbraio 1995 lo riporta al secondo posto delle videocassette più noleggiate della settimana: la VHS che ho recuperato è un’edizione in vendita quindi di poco posteriore.
    Il primo passaggio televisivo noto di Cose preziose è lunedì 6 maggio 1996 in prima serata su Italia1, che è probabilmente la prima volta che l’ho visto.
    Lo splendido romanzo del 1991 di King – di cui ho già parlato – finisce nelle mani capaci di W.D. Richter, il cui nome forse non fa squillare alcun campanello ma che è un autore di quelli da ricordare: basti dire che ha firmato la sceneggiatura di Terrore dallo spazio profondo (Invasion of the Body Snatchers, 1978), Brubaker (1980) ed ha messo la penna anche in quella di Grosso guaio a Chinatown (1986). Non pago, nel 1984 ha tentato anche la carriera registica con il sottovalutato Le avventure di Buckaroo Banzai nella quarta dimensione.

    Omaggio scopiazzante da Matheson

    King da sempre considera il grande Richard Matheson un maestro, e a pensar bene possiamo dire che forse ha voluto omaggiarlo inserendo nella storia di Cose preziose uno smaccato scopiazzamento di un racconto di Matheson: The Distributor, apparso nel marzo shocklibrodel 1958 su “Playboy” e arrivato in Italia per la prima volta come Il dispensatore, nell’antologia “Shock” (Mondadori 1984) con traduzione di Giuseppe Lippi. Maurizio Nati lo ritraduce come Il nuovo vicino di casa per l’antologia “Incubo a seimila metri” (Fanucci 2003).
    In questo racconto Matheson ci presenta un nuovo arrivato nel quartiere che fa subito amicizia con il vicinato, ma subito capiamo che qualcosa non va quando questi comincia uno strano gioco: ruba un oggetto da una casa per metterlo in un’altra, così che i due proprietari litighino. Con furti, maldicenze e pettegolezzi in pratica il nuovo arrivato fa esplodere il quartiere prima di trasferirsi in un altro… ed è esattamente il “metodo” che Leland Gaunt utilizza nella storia!

    Titoli di testa

    cosepreziose_a
    cosepreziose_b
    cosepreziose_c
    cosepreziose_d
    cosepreziose_e
    cosepreziose_f
    cosepreziose_g
    cosepreziose_h
    cosepreziose_i
    cosepreziose_j
    cosepreziose_k
    cosepreziose_l
    cosepreziose_m
    cosepreziose_n
    cosepreziose_o
    cosepreziose_p
    cosepreziose_q
    cosepreziose_r

    Titoli di coda

    cosepreziose_s
    cosepreziose_t
    cosepreziose_u
    cosepreziose_v
    cosepreziose_w
    cosepreziose_x
    cosepreziose_y
    cosepreziose_z
    L.
    P.S.
    Se simili resoconti vi interessano continuate a seguirci ogni venerdì qui su Doppiaggi Italioti e vi invito a venire a trovarmi anche sul mio blog Il Zinefilo: viaggi nel cinema di serie Z.

    – Ultimi post simili:

  • TITOLI ITALIOTI (10^ puntata): Titoli di fantascemenza

    Scimmia che rompe le ossa, scena dal film 2001 odissea nello spazio. Vignetta indica le ossa frantumate dicendo: ossa dei distributori cinematografici
    A grande richiesta, miei insaziabili lettori, eccovi la puntuale lista, questa volta dedicata alla fantascienza di serie B (ma anche C e D). Ho ricercato nella mia memoria anche titoli un po’ dimenticati, alcuni veramente oscuri.

    The League of Extraordinary Gentlemen ⇒ La leggenda degli uomini straordinari

    Non è propriamente fantascienza, questo film appartiene più al filone “steampunk” ma è degno della seguente nota:
    i riferimenti alla “lega” (“the league” del titolo) furono eliminati per motivi politici, non sto scherzando. Purtroppo non sono riuscito a trovare articoli del 2003 ma ricordo di averlo letto sui giornali all’epoca dell’uscita del film. Che fosse un tentativo di evitare un aumento di autostima da parte dei leghisti nel sentirsi nominati “protagonisti” di un film? O forse avevano paura che i votanti-sinistra non andassero a vedere il film?
    Ad ogni modo il film è una cagata che nemmeno Sean Connery riuscì a salvare, quindi potevano anche lasciare il titolo “La lega degli uomini straordinari“, sarebbe stato comunque un flop dimenticato da tutti entro pochi anni.

    Soylent Green 2022 – I sopravvissuti

    Nel futuro di questo film il mondo è sovrappopolato e inquinato (lo so, adesso non è più fantascienza), la natura non esiste più, i generi alimentari scarseggiano e l’eutanasia è un diritto garantito a tutti. L’unico alimento in vendita è il Soylent, gallette di cibo industriale di dubbia provenienza. Il Soylent verde in particolare viene pubblicizzato come fatto prevalentemente con plancton ed è il più ambito tra l’affamata popolazione di New York ma il poliziotto Charlton Heston verrà a scoprire la verità che si nasconde dietro ai prodotti Soylent, una verità scioccante che qui non vi dirò perché sarebbe uno “spoiler” troppo grande per coloro che non hanno mai visto il film.

    Per quanto riguarda il titolo italiota, esso non ha alcuna giustificazione. Difatti, eccetto che per la data 2022 (esatta), nella premessa al film non si parla né passati olocausti nucleari né di disastrose epidemie ma solo di inquinamento, sovrappopolazione e scarsità dei generi alimentari, quindi la parola “sopravvissuti” non ha senso, anzi la sovrappopolazione è proprio il fenomeno opposto.
    Per gli amanti della lettura, la storia è tratta dal romanzo “Make Room! Make Room!“, un classico della fantascienza di Harry Harrison. Anche se il Soylent e la sorpresa finale sugli ingredienti dello stesso non viene da questo libro, di cui comunque consiglio la lettura.

    The Omega Man ⇒ 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra

    Dal titolo italiota uno si aspetterebbe che la storia possa parlare di una razza di alieni dagli occhi bianchi venuti dallo spazio a invadere la terra. La storia invece parla di un virus che ha trasformato tutti gli esseri umani in vampiri albini assetati di sangue e Charlton Heston è l’unico uomo che sembra essere immune al contagio.
    Lo stesso film all’estero ha altri titoli come “Le survivant“, “O Último Homem na Terra” o “La última esperanza“. Tutte valide alternative, eccetto quella italiana.

    Inoltre questo film è del ’71, il che dimostra anche la poca lungimiranza nell’aggiungergli una data futuristica prima del titolo.

    La storia su cui si basa questo film è di Richard Matheson, di recente riproposta con il film “Io sono leggenda” ma migliore è il romanzo originale che ha più senso ed è più emozionante di tutti questi filmacci messi insieme. “Io sono leggenda” è ancora più lontano dal romanzo di quanto non lo fosse già “1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra“. Esiste anche una precedente trasposizione cinematografica, tutta italiana, una co-produzione del 1964! L’ultimo uomo della terra, con Vincent Price.

    Neon City Anno 2053 – La grande fuga

    Questo film è una copia di Mad Max venuta veramente male. È del ’91 ma sembra più dell’81. Ancora una volta al titolo fantascemente DEVE essere premesso un anno futuro. Occhio che non è una versione futuristica del film “La grande fuga” con Steve McQueen. Il titolo originale non doveva nemmeno essere tradotto visto che anche in italiano nel film si parla di una città chiamata “Neon City”, la destinazione da raggiungere.

    La serie del pianeta delle scimmie

    Divertente come più si vada avanti con la serie e più i titoli diventino assurdamente distaccati dalla parola “scimmie”, così da confondere lo spettatore e spacciare alcuni di questi film (gli ultimi) quasi come pellicole di fantascienza a sé.

    • (1968) Il pianeta delle scimmie (Planet of the Apes)
    • (1970) L’altra faccia del pianeta delle scimmie (Beneath the Planet of the Apes)
    • (1971) Fuga dal pianeta delle scimmie (Escape from the Planet of the Apes)
    • (1972) 1999 – Conquista della Terra (Conquest of the Planet of the Apes)
    • (1973) Anno 2670 – Ultimo atto (Battle for the Planet of the Apes)

    Gli ultimi due sono davvero fuorvianti, un tentativo disperato dei distributori per trascinare al cinema più gente possibile a vedere questi ultimi pastrocchi inguardabili. Personalmente sono un fan dei primi due film ma il vero premio va al libro di Pierre Boulle (eh sì, un francese, per una volta!) che per i fan della letteratura fantascientifica è un dovere imperativo leggere.

    Cyborg 2087 ⇒ Cyborg anno 2087 metà uomo metà macchina… programmato per uccidere

    Wow, si sentiva proprio il bisogno di allungare il titolo. Questo film del ’66 credo  meriti d’esser menzionato se non altro per il titolo non proprio all’insegna della sinteticità. Da quello che leggo in giro, sembra che la trama sia simile a quella di Terminator (1984), quindi certamente varrà la pena vederselo se non altro per verificare fino a che punto i due film siano simili.

    A Boy and His DogApocalypse 2024

    Capisco che una traduzione diretta del titolo originale non avrebbe mai fatto pensare ad un film post apocalittico però perché mai usare “Apocalypse” invece di “Apocalisse”? Ah, già… solo pochi anni prima era uscito “Apocalypse Now” quindi era di moda.

    Eve of DestructionPriorità assoluta

    Film di fantascienza casereccio (sicuramente cult per qualcuno) che ha di buono praticamente soltanto il titolo originale “Eve of Destruction”  con doppio significato: sia come “vigilia della distruzione”, sia come riferimento al nome della pericolosa donna-robot chiamata “Eve”, ovvero il corrispettivo inglese di “Eva”. In italiano viene abbandonata l’unica trovata buona del film (il titolo) in favore di un anonimo “priorità assoluta” che sicuramente non ha aiutato la diffusione del film.

    Infine…

    Westworld ⇒ Il mondo dei robot
    Futureworld ⇒ Duemila anni nel futuro

    Il primo film aveva un suo senso a chiamarsi Il mondo dei robot dato che la trama ruota intorno ad un parco divertimenti a tema, con robot indistinguibili dagli umani e diviso in tre settori: un mondo medievale, l’antica Roma e il “far west”. Un film scritto e diretto da Michael Crichton che consiglio a molti; è sicuramente il precursore spirituale di Jurassic Park, ovvero l’idea di un parco di divertimenti super tecnologico che sfugge di mano e si trasforma in un incubo. Il doppiaggio di questo film tra l’altro è anche ben fatto e come tanti altri film degli anni ’70 mostra un italiano forbito.

    Il secondo (soporifero) film avrebbe avuto più senso se si fosse almeno chiamato “Il mondo dei robot 2” oppure “Ritorno al mondo dei robot” perché con il titolo italiano viene a mancare totalmente il riferimento al primo film in favore di un generico (quanto fuorviante) “2000 anni nel futuro” che non ha niente a che vedere con la trama. Difatti il primo film sembrava svolgersi in un futuro molto prossimo e il suo seguito continua da dove aveva lasciato il primo film, certamente non 2000 anni nel futuro!

    Se consiglio vivamente di guardare il primo, altrettanto vivamente sconsiglio la visione del “sequel”, buono solo per addormentarsi nel primo pomeriggio.