• Home
  • Category Archives: Ridoppiaggi
  • Campagna Anti-Ridoppiaggio

    www.ciakhollywood.com

    Mi permetto di dedicare lo spazio di oggi a questo sito web (tra l’altro già inserito nella lista dei miei link) che si fa promotore di una campagna anti-ridoppiaggio; una questione, quella del ridoppiaggio, di cui ho già parlato in precedenza.
    L’immagine vi collega direttamente al sito web (basta cliccarci sopra) dove troverete una lista di tutti i film pubblicati in DVD o Blue-Ray con un nuovo doppiaggio in italiano. Inoltre dalla pagina “videodoppiaggi” avrete accesso ad estratti video pubblicati su youtube in cui potrete sentire la differenza tra i doppiaggi originali e quelli nuovi.
    Questa campagna sostiene che (cito testualmente) “se esiste il vecchio doppiaggio d’epoca” si pretende “che nei DVD in commercio vi sia quella traccia e non un nuovo doppiaggio che ne modifichi anche il contenuto stesso dell’opera cinematografica!
    E aggiungo, se proprio vogliono ridoppiare un film per avere un audio 5.1 o comunque di qualità maggiore, che almeno lascino anche la vecchia traccia audio, fosse anche MONO!
     

  • E il Sacro Graal… non me lo ridoppiate???


    MONTY PYTHON (1975)
    Monty Python e il Sacro Graal (a lungo conosciuto soltanto con il nome di “Monty Python” in Italia) è uno di quei pochi film che non posso guardare in italiano per via del doppiaggio (uno è questo, l’altro è Die Hard 2, vedere un mio precedente scritto). Cosa avessero in mente i doppiatori quando ci hanno lavorato nel 1976 è difficile da immaginare a distanza di tanti anni (dovremmo forse chiedere a Pippo Franco), fatto sta che all’epoca fu doppiato con le voci di alcuni comici del bagaglino dando ai vari personaggi dialetti regionali e, in questo modo, distruggendo interamente i divertenti sketch dei comici britannici. Il testo originale scarsamente rispettato e molte battute completamente alterate… ma quando senti Re Artù parlare toscano ti cascano le braccia. Che avessero forse in mente di farne un nuovo Brancaleone?
    So che da molti questo film è considerato un cult così com’è ma a parere mio non fa affatto ridere (in italiano), anzi è uno spregio alle trovate comiche del film originale che all’estero, non a caso, è diventato uno dei film più citati di tutti i tempi ed è considerato il lungometraggio più famoso e rappresentativo dei Monty Python.
    La vera ironia sta nel fatto che, per l’edizione DVD, questo film è stato conservato così come lo conosciamo mentre hanno sentito il bisogno di ridoppiare “Il Senso della Vita” e “Brian di Nazareth”, altri due capolavori dei Monty Python che non necessitavano di un nuovo doppiaggio… anzi è l’ennesimo malfatto dei distributori italiani! Avranno forse pensato che agli italiani le voci dialettali del “Sacro Graal” piacessero tantissimo.
    VOTO DOPPIAGGIO “MONTY PYTHON”: 1 senza rimorsi

  • La piaga del RIDOPPIAGGIO!

    Scena da Un giorno di ordinaria follia. Nella vignetta Michael Douglas dice: su questi ridoppiaggi qualcuni ci mangia!
    Che la qualità dei doppiaggi sia andata calando spaventosamente negli ultimi anni è una cosa che hanno già notato in molti ma solo da quando è cominciata la “stagione” dei film ridoppiati mi sono reso conto di quanto fosse grave la situazione. Roba da mettersi le mani nei capelli.

    Dal 2000 in poi, ridoppiaggi sempre più inutili

    Qualunque sia il motivo (probabilmente perché costa meno rifare un doppiaggio ex-novo che comprare i diritti dell’originale), è evidente che dagli anni 2000 ci sia stato uno sprint generale verso il ridoppiaggio di film che non ne avevano assolutamente bisogno. Tra i film scandalosamente ridoppiati si ricordino titoli come Lo squalo e E.T. – L’Extraterrestre di Spielberg, Brian di Nazareth dei Monty Python, Superman, Il padrino, C’era una volta in America (vergogna ridoppiare un capolavoro di Sergio Leone il cui doppiaggio venne seguito con attenzione da Leone stesso!), vari film di Hitchcock, eccetera eccetera.

    Nei casi da me citati, così come in moltissimi altri, questi ridoppiaggi sembrano essere soltanto superflui con prestazioni vocali e qualità di interpretazione ben distanti rispetto ai doppiaggi cinematografici originali (si veda ad esempio il “nuovo” Capitano Quint nel film “Lo squalo” rispetto a quello del doppiaggio del ‘75) e spesso terribilmente mediocri.

    Nei nuovi doppiaggi le battute sono solitamente più fedeli al copione originale (si potrebbe obiettare che non siano altro che pedisseque traduzioni) ma perdono di impatto e non sempre rievocano il significato intrinseco che il doppiaggio del passato, seppur con licenze artistiche, spesso riusciva a rendere. In poche parole, spesso non sono proprio “adattati” e chi si occupa della direzione spesso ne è anche dialoghista. Un numero esiguo di questi invece riportano i dialoghi del primo doppiaggio parola per parola (Cliffhanger mi pare sia uno di questi) e ci si domanda quale ne sia il motivo, artisticamente parlando.

    Il ridoppiaggio come danno culturale

    L’esistenza di nuovi doppiaggi non dovrebbe scandalizzare di per sé, ne esistono da sempre, ma la cosa più indecente è che molti dei doppiaggi storici finiranno inevitabilmente per scomparire insieme al formato VHS. Infatti, i film ridoppiati che vengono pubblicati attualmente in DVD (o Blu-Ray) quasi sempre presentano soltanto la nuova traccia audio e questo, a parer mio, è un danno culturale gravissimo ai danni della storia del cinema ed assolutamente gratuito, che va a colpire sia il pubblico italiano che i doppiatori originali, i direttori di doppiaggio e i curatori dell’edizione italiana. Questi diedero la propria voce e la propria professionalità in un periodo in cui c’erano i tempi tecnici per poter fare un lavoro di fino che non mirasse soltanto a tradurre pedissequamente il testo originale e a sfornare un prodotto finito in pochi giorni ma che adattasse in maniera più raffinata possibile l’impatto che certe frasi DEVONO avere sugli spettatori italiani così come le originali l’avevano sugli spettatori di lingua inglese.

    Un problema spesso senza soluzione

    C’è una soluzione a questo scempio? Petizioni? Smettere di comprare i film ridoppiati? Sinceramente non lo so. Gli unici casi in cui si ha avuto un risultato sono quei pochi film con vasti seguiti di affezionati italiani come la saga di Guerre Stellari che rischiava anch’essa d’esser ridoppiata e manca poco scoppiavano rivoluzioni di piazza con morti ammazzati, così la Lucasfilm fece dietrofront; ma in tutti gli altri casi non c’è lettera di protesta o petizione che basti. La mia unica soluzione è quella non comprarli se non hanno l’audio originale ma nei casi in cui il nuovo doppiaggio è motivato da una questione di diritti, anche la resistenza passiva serve a poco.

    Molte volte infatti i diritti sul doppiaggio storico appartengono al primo distributore e quando certi titoli passano di mano non è automatico che lo faccia anche la colonna sonora italiana, che magari viene proposta al nuovo distributore ma solo a prezzi folli oppure non viene ceduta affatto, e alle case distributrici non gliene importa molto di salvare i doppiaggi originali o, perlomeno, gliene importa finché il budget lo consente altrimenti commissionano economici ridoppiaggi, abbassando spesso la qualità del prodotto finale a livello telenovelas. Quando tutti i classici saranno infine ritradotti, storpiati, riadattati e avremo insomma perso i vecchi doppiaggi di qualità, solo a quel punto non saremo più in grado di dire che l’Italia sia la numero uno in questo settore.

    Chi incolpare?

    Non sono un amante della complottistica ma, come diceva Michael Douglas in “Un giorno di ordinaria follia”, su questi lavori qualcuno ci mangia! Ma è inutile incolpare i doppiatori, è chiaro che ci mangia sono le case di distribuzione che li commissionano per massimizzare i guadagni, il più delle volte.

    In merito a questo argomento rimando a due essenziali punti di riferimento: