TITOLI ITALIOTI (9^ PUNTATA) – Fritto misto

I fratelli Duke del film Una poltrona per due parlano del titolo italiano del film SOS Fantasmi
Ecco un’altra “puntata” dedicata ai titoli italioti, nella forma di lista

Trading Places ⇒ Una poltrona per due

Come in molti altri casi il titolo originale ha un doppio significato, ovvero sta sia ad indicare lo scambio di ruoli (su cui si basa la trama del film) sia “luoghi d’affari”, con riferimento alla borsa di New York (altro punto chiave del film). In italiano si poteva giocare sulla parola “scambi” forse ma è si è puntato sull’uso di “poltrona” come sinonimo di un ruolo di potere, un uso molto familiare al popolo italiano. “Una poltrona per due” è un curioso sostituto ma funziona. Anche in francese si chiama così: Un fauteuil pour deux.

Scream ⇒ Scream – Chi urla muore

Dopo il successo e la fama della saga di “Scream” di Wes Craven, con quel titolo che già dopo il primo film era già diventato un marchio di fabbrica che si presenta da solo, è strano oggi riscoprire che quel primo capitolo era arrivato in Italia con un sottotitolo italiano “chi urla muore”. È vero, cerca in qualche modo di spiegare quell’anonimo “scream” (urlo, in italiano, o forse urla, imperativo del verbo urlare) ma “chi urla muore” è un po’ fuorviante, che cosa c’entra con la trama? Nel film si muore indifferentemente, che si urli o meno. Fosse stato “il terrore corre sul filo” avrei capito (lo so, lo so, quel titolo esiste già ma ci siamo capiti). Dal successivo capitolo, “Scream 2“, non sono stati più aggiunti sottotitoli inutili, a quel punto la sola parola “scream” rappresentava il film stesso. A proposito a quale capitolo sono arrivati? Al quarto? sesto? E chi è l’assassino adesso, un cugino di terzo grado del compagno di banco del killer del primo film?

Altri titoli italiani degni di nota dalla filmografia di Wes Craven sono “A Nightmare on Elm Street” diventato “Nightmare – Dal profondo della notte” in italiano e poi rimasto semplicemente “Nightmare” per i successivi episodi della saga, e “The People Under The Stairs” intitolato in italiano “La casa nera” (perché “nera”? Boh), la cui locandina è concettualmente identica a quella del film Fright Night (“Ammazzavampiri” in italiano).

Escape from New York ⇒ 1997: Fuga da New York
Escape from L.A. ⇒ Fuga da Los Angeles

Si sa, negli anni ’80 premettere un anno prossimo venturo nel titolo indicava immediatamente che si stesse parlando di un film di fantascienza, da quando Kubrick fece 2001: Odissea nello spazio ci rovinò tutti i futuri titoli di fantascienza! A proposito, quanti di voi 10 anni fa (nel 2001) sono andati su Giove all’inseguimento di un monolite nero e dopo un viaggio allucinogeno si sono ritrovati sul letto di morte per poi vedersi rinascere a grandezza pianeta? Nessuno, eh? Eh già, il futuro ahimè non è come ce lo aspettavamo.
Tornando a noi, con Fuga da Los Angeles non hanno mantenuto la forma dell’anno prima del titolo, evidentemente nel ’97 (anno di uscita del film) era passato di moda premettere la data futura.
I due titoli in DVD, messi l’uno accanto all’altro, stonano e non si trovano vicini se li mettiamo in ordine alfabetico… accidenti a voi distributori italiani, adesso la mia videoteca ordinata alfabeticamente è un casino!

Serial Mom ⇒ La signora ammazzatutti

Come posso non preferire il titolo italiano? “Mamma Seriale” non credo avrebbe avuto lo stesso impatto comico. Il film è comico e ci tengo a precisarlo, visto che in inglese all’inizio del film un messaggio d’avviso lo spaccia come ispirato ad una storia vera. Uno scherzo del regista che nuoce al film. Con un titolo come La signora ammazzatutti non ci sono proprio dubbi.

Shawshank Redemption ⇒ Le ali della libertà

Lo ammetto, un bellissimo titolo, ma la storia tratta da Stephen King già aveva il titolo di “(Rita Hayworth e) La redenzione di Shawshank”. Da notare che i distributori ce l’hanno con i titoli di Stephen King: “Misery” non bastava, dovevano farlo diventare “Misery non deve morire” (quasi un titolo da western… Django non deve morire!). Tra l’altro il romanzo si chiama “Misery” anche in italiano, quindi non c’è giustificazione.

Schindler’s List ⇒ Schindler’s List – La lista di Schindler

Perché non semplicemente “La Lista di Schindler”? Che senso ha tenere il titolo in inglese identico al “sottotitolo”? Qual è il vantaggio nel mantenere il titolo originale? Oppure qual è il vantaggio di tenerli entrambi, originale e tradotto? Ignavi scegliete una volta per tutte! Alla fine anche in Italia è diventato celebre per il suo titolo in inglese, con quel sottotitolo non lo ha mai chiamato nessuno e infatti è poi scomparso dalle edizioni in home video del film.

She-Devil ⇒ Lei, il Diavolo

Una traduzione maccheronica che troverebbe invece il corrispettivo italiano in “la diavolessa” o “la diavola” se la vogliamo mettere sul comico. (Grazie a Vuk, il “maccheronico” è suo così come la segnalazione del film)

Psycho ⇒ Psyco

Se non toglievano quell’acca cambiava proprio tutto! La gente non sarebbe mai andata  vedere un film con un’acca di troppo. E la ypsilon? Non dava fastidio? Quella no, ma l’acca sì. Scherzi a parte, il titolo italiano di Psycho vede la rimozione dell’acca anche se questo poi è stato dimenticato e in tempi moderni continua ad essere scritto Psycho anche in italia.

Man’s Best Friend ⇒ Il migliore amico dell’uomo

Già un titolo veramente poco horror in originale, è uno di quei casi dove forse era meglio optare per una modifica totale. Potevano farci la grazia di rinominarlo… che so, “Il cane che uccide”, qualsiasi cosa è meglio del “migliore amico dell’uomo”. Ma del resto, a film sciocchi titoli sciocchi. Questo è uno di quei film che riguardo sempre quando passa in TV, non vorrei mai perdermi la scena del cane che si ingoia un gatto per intero aprendo le fauci in stile serpente, la pipì acida stile sangue dell’alieno in Alien, e altri gadget bioingegneristici di questo cane modificato geneticamente. Chissà perchè mi affeziono sempre a film così scadenti! Sarà il fattore sentimentale per il fatto che me li sia visti in gioventù.
Questo filmaccio mi ricorda un altro filmaccio sempre dalle estati “Notte Horror” di Italia 1, ovvero “Ghost in the Machine” tradotto in Italia con un titolo sempre in inglese di “Killer Machine“. Occhio che non è “Ghost in the Shell“!

Groundhog Day ⇒ Ricomincio da capo

Poteva chiamarsi tranquillamente “Il giorno della marmotta”, sarebbe stato un titolo divertente e memorabile rispetto al generico e poco memorabile Ricomincio da capo, che va a confondersi con una cornucopia di tanti altri titoli che iniziano con “Ricomincio” (Ricomincio da tre, Ricomincio da zero, Ricomincio da me, …).

The Princess Bride ⇒ La storia fantastica

Viva l’immaginazione, è sempre bello sfruttare il successo di altri film (“La storia infinita) per vendere un nuovo prodotto senza rischiare troppo. Avevano paura che “La principessa sposa” avrebbe fatto pensare ad un film romantico? Altri film che potevano chiamarsi “La storia fantastica” potrebbero essere: Labyrinth, Willow, Il Signore degli Anelli, Il mago di Oz, etc… praticamente qualsiasi storia con ambientazione “fantasy”.
A proposito di Labyrinth… lo sapevate che il titolo ufficiale in italiano è “Labyrinth dove tutto è possibile“? Io lo scopro solo ora e allibisco. Da piccolo lo chiamavo semplicemente “Labyrinth” e non penso che il titolo intero abbia mai attecchito. Gli italiani sono sempre stati affascinati dalle parole in inglese di cui possono intuire il significato.
Il libro da cui è tratto il film si chiama appunto “La principessa sposa” (1973, pubblicato in Italia nel 1988) ma senza saperlo in anticipo, difficile sospettare un legame con un film chiamato La storia fantastica. Il libro sarebbe stato intitolato “La storia fantastica” solo trent’anni dopo, in una riedizione del 2007.

Scrooged ⇒ S.O.S. Fantasmi

Credo di aver già accennato a questo film in passato, ad ogni modo non ho spiegato il perché del titolo italiano.
Mentre il titolo originale fa giustamente riferimento alla storia Canto di Natale di Dickens (con protagonista Ebenezer Scroge) di cui questo film è una rivistazione in chiave moderna e comica, i distributori italiani hanno giocato sporco pensato di sfruttare la presenza di Bill Murray, all’epoca molto celebre in Italia grazie a Ghostbusters, usando un titolo che ricordasse proprio “Gli acchiappafantasmi“, così in Italia viene distribuito come S.O.S. Fantasmi. Certo, c’è la scusante che i fantasmi del Natale passato presente e futuro vengano in  soccorso del protagonista per fargli cambiare stile di vita e trasformarlo in una persona migliore, ma non mi dite che non ha niente a che vedere con gli acchiappafantasmi, multimilionario successo al botteghino di pochi anni prima. Un film che ha per protagonista Bill Murray, presentato con la parola “fantasmi” nel titolo non può che garantire un afflusso di bambini al cinema (e relativi genitori paganti). Così ragiona la distribuzione.

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

3 Comments

  • utente anonimo

    7 Marzo 2011 at 16:43

    Ho perso un po' delle puntate precedenti e quindi non so se ne hai già parlato.
    Due dei film con i titoli più fuorvianti secondo me sono
    Eternal Sunshine of the Spotless Mind -> Se mi lasci ti cancello
    Che tradotto sembra una commediola romantica alla "ti presento i miei" 
    L'altro titolo è
    Wag the dog -> Sesso & Potere
    che uno poi si aspetterebbe un porno…

    Rispondi
  • Evit

    7 Marzo 2011 at 17:53

    Non ne ho ancora parlato di questi titoli ma "Eternal Sunshine of the Spotless Mind" omai è diventato l'emblema più noto della titolazione ridicola in Italia e quindi si trova già ampiamente discusso in moltissimi forum. Putroppo non l'ho visto e mi mantengo sui film che conosco per lo più, comunque vedrò di citarlo en passant alla prima buona occasione.
    Grazie
    Ciao

    Rispondi

Rispondi