Videocommento a THE LADY 2 – ep.1

posterBlog
Ahimè dovevamo arrivarci. Con grandissime aspettative equiparate solo al mal di testa che avevo mercoledì sera, ecco il videocommento che ci è stato richiesto da tanti e a gran voce (tipo, cinque persone) e che, tra la curiosità personale e l’obbligo “morale”, ci siamo ritrovati a registrare.
Fate click sull’immagine per vederlo.
Come al solito, sul finale, come da tradizione, troverete una clip comica di pochi secondi che qui vi ripropongo in versione separata.
L'esorcista-di-Lory-del-Santo

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

10 Comments

  • sgnaz

    22 Novembre 2015 at 00:03

    ciao, evit! piuttosto off-topic, per la serie “i tristissimi sabati sera solitari” ma anche la serie “perchè ogni tanto cambiano le battute senza nessun motivo?”, una cosa che probabilmente non farà tremare holywood nè risveglierà le coscienze di nessuno, ma: stavo guardando six degrees of separation con will smith e a un certo punto durante un party una donna, una comparsa, ordina un gin and tonic. in italiano ordina un bicchiere d’acqua. perchè? quante libertà non si prenderanno i traduttori? e cosa li spinge a propinare al pubblico italiano un bicchiere d’acqua al posto di un gin and tonic? qual è il loro scopo?

    Rispondi
    • Evit

      22 Novembre 2015 at 00:41

      Non ti preoccupare per l’off-topic, non lo si è mai qui su doppiaggi italioti quando si parla di doppiaggio. Semmai sono io che faccio un leggero off-topic sul mio stesso blog pubblicizzando alcuni video che ogni tanto condivido su youtube.
      Ebbene, nel caso specifico non posso purtroppo esprimermi. Non ho visto il film ed è difficile rispondere alla tua domanda in maniera diretta e generalizzante perché, come sempre, adattamenti e doppiaggi vanno presi caso per caso, che è poi ciò che faccio su questo mio blog. Se mi capiterà di vederlo ci farò particolare attenzione.
      Trovo strano però che tali alterazioni finiscano in film attuali, vista la scarsa libertà interpretativa data ai direttori di doppiaggio di questi tempi. Di solito ci sono supervisori che puntano per il “non cambiate nessun riferimento!”. Chissà cosa è successo nei dietro le quinte in questo caso specifico.
      Grazie per la segnalazione.
      Un saluto!

      Rispondi
  • Achille

    25 Novembre 2015 at 00:22

    Carissimo Enrico, ti/vi seguo con piacere, principalmente su Youtube e faccio con l’occasione i miei antologici “complimenti per la trasmissione”.
    A mente fredda, la battuta di “Sei gradi di separazione” (traduzione letterale!) me la ricordo, anche se non avevo fatto caso alla questione doppiaggio avendo visto il film con mia madre che parla solo – ma insegna anche – italiano: l’ordinare un bicchiere d’acqua cambia l’accezione della scena, seppur non fondamentale.
    Ne approfitto per consigliarvi il film perché è elegantemente brillante ed innovativo per l’epoca (1993). Come aneddoto tra cinefili, segnalo Will Smith che supercazzola sull’importanza letteraria de “Il signore degli anelli” l’intellettuale Ian McKellen che, sei-sette anni dopo, interpreterà per i successivi 15 anni Gandalf sul grande schermo.
    Un abbraccio ed un “continuate così”!
    Achille

    Rispondi
  • vittorinof

    26 Novembre 2015 at 18:55

    Il trash quando diventa consapevole di esserlo smette di essere divertente e così è stato per “The Lady”. Terribile poi la comparsata di Maccio Capatonda, anche lui così palesemente consapevole di quello che sta facendo da risultare irritante.

    Rispondi
    • Leo

      1 Dicembre 2015 at 19:00

      Stavolta il montaggio è tutta roba di Evit, io non ci ho messo mano, a lui le lodi! Per questa seconda serie sono stato più che felice di lasciare il lavoro a lui, una mi è bastata, e in quanto a inventiva mi sta già superando.

      Rispondi
      • Evit

        1 Dicembre 2015 at 19:24

        Ho preso quasi interamente le redini della produzione video di Doppiaggi Italioti su YouTube per permettere a Leo di dedicarsi al lavoro veramente importante, quello di preservazione!

        Rispondi

Rispondi