Chicche quotidiane (12) – Voci nei Griffin


Delle tante cose di cui potrei lamentarmi riguardo al doppiaggio dei Griffin (Family Guy) oggi ne scelgo una. Possibile che quando doppiano alcuni personaggi televisivi noti anche in Italia non si sforzino di imitare almeno la voce del personaggio? L’altro giorno ho visto l’episodio intitolato “Laggiù nel profondo sud” in cui compariva Alf (come se stesso) in un programma televisivo in cui dichiarava di aver fatto uso di stupefacenti durante l’intera terza serie di ALF. La recitazione e la voce in italiano erano completamente… normali. Ma come? Ve la siete dimenticata la voce di Alf? Qui non stiamo parlando di sconosciute star americane o di programmi televisivi mai approdati nei nostri lidi… ALF è stato un protagonista indiscusso degli anni ’90 in Italia. Nell’intera europa ha fatto persino più successo che in America dove era considerato comunque uno show minore, seppur molto noto. In Italia il personaggio era anche più divertente e memorabile grazie a Gigi Angelillo (già alla celebrità per la sua voce di Paperone de’ Paperoni)… se Angelillo non era disponibile potevate almeno imitarlo almeno un po’? Invece no, una normalissima voce. Se non avete voglia di lavorare allora ditecelo!
Sentite l’imitazione “al volo” che mi ha inviato Leo (secondo spezzone) comparata con il doppiaggio italiano originale (primo spezzone):

Questo tanto per confermare che avendo i giusti doppiatori si può realizzare un’imitazione molto buona senza neanche perdere troppo tempo (Leo ha improvvisato)

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

20 Comments

  • lupo alberto

    14 Gennaio 2012 at 10:21

    Un doppiatore professionista dovrebbe saper imitare le voci, un po’ come fa Fiorello. Ok,ingaggiare il doppiatore originale per solo una puntata,capisco che è inopportuno,ma in una serie come i Griffin dove continuamente si fanno parodie,è fondamentale avere a portata di mano un doppiatore capace di imitare le voci. Fiorello quando imita Mike Bongiorno,secondo me,è bravissimo
    http://www.youtube.com/watch?v=VbHYUEEB4n0
    Io la voce di Alf me la ricordo eccome,sentirlo con un’altra voce mi darebbe fastidio e sicuramente l’episodio dei Griffin,in tal caso,ha perso la sua vis comica con questo ruzzolone….

    Rispondi
  • Evit

    14 Gennaio 2012 at 12:04

    lupo alberto, concordo in pieno. In una serie basata essenzialmente sulle parodie e le imitazioni è impensabile che vengano tralasciati simili dettagli. A riguardo ho aggiunto l’improvvisazione di Alf che mi ha mandato Leo

    Rispondi
  • lupo alberto

    14 Gennaio 2012 at 12:08

    beh,ho visto il video…a dire il vero un po’ hanno tentato di riprendere la voce originale,eh!!!! Anche se improvvisando abbastanza,per l’appunto…..

    Rispondi
  • lupo alberto

    14 Gennaio 2012 at 12:10

    Aspè,ma questa non è la voce originale? l’ha fatta Leo? Cavolo,complimenti….per essere una improvvisazione amatoriale,riprende abbastanza l’originale.

    Rispondi
    • Leo

      14 Gennaio 2012 at 12:15

      Ehilà Beppe! Sì, non ho ancora visto lo spezzone dei Griffin che è passato in tv, ho preso quello in inglese da youtube e ho fatto un doppiaggio “in presa diretta” col cellulare, purtroppo non sono riuscito a prendere il sync.
      Che dire, Angelillo è una delle voci che sentivo di continuo quando ero un pischello, non facevo che guardare Duck Tales! Per cui i suoi pattern vocali sono bruciati nel mio cervello, e mi diverto a imitare lui come altri doppiatori dei cartoni animati.

      Rispondi
      • Evit

        14 Gennaio 2012 at 12:27

        Sei un mito Leo. Vai tu a lavorare nel doppiaggio dei Griffin, come “Jolly”, almeno potremmo evitare certe voci dozzinali.

      • lupo alberto

        14 Gennaio 2012 at 13:06

        Ciao,davvero complimenti.La tua voce mi sembra un po’ più da tenore,mentre quella di Angelillo più di testa…poi qui Alf mi sembra che abbia un po’ di “raffredore”,ma sicuramente anche le riprese con il cell penalizzano molto.A dire il vero,per l’appunto,la ritengo una imitazione buona che calca bene le tonalità originali,solo che Evit è stato così duro nell’articolo che non volevo sembrare un telespettatore troppo dozzinale che si accontenta facilmente……ad ogni modo davvero complimenti, hai la stoffa,potresti fare il doppiatore.

  • Phantom Dusclops

    15 Gennaio 2012 at 22:19

    Cioè, che poi in molte altre scene dei Griffin nella versione Italiana usano i doppiatori originali (quindi Alina Moradei su Jessica Fletcher, Carlo Valli su Robin Williams, Sandro Acerbo e Dario Penne come Marty McFly e Emmet Brown…)

    Rispondi
  • SAM

    6 Settembre 2019 at 22:04

    Ma, che Alf sia in italia più famoso che in USA la vedo dura: in patria è stra-famoso, hanno fatto pure una serie animata e una serie a fumetti per la Marvel ( in Italia ne hanno pubblicato tipo 6 numeri) , da noi è stato trasmesso poco e male dalla Rai prima , e dalle altre poi .
    Saranno 30 anni che non viene più replicato, ti credo che nessuno se lo ricordi !
    Angelillo poi bisogna vedere se fa ancora doppiaggio , visto che non lo sento più da un pezzo nei film .
    Oppure lavora ma la sua voce sarà stra invecchiata e inadeguata al doppiaggo ( pure nel remake di Ducktales lo hanno sostituito )
    Faccio poi notare che chi lavora nei Griffin non ha memoria storica: basti pensare quando c’è la scena che prende in giro “Zanna Gialla ” e il cane viene ribattezzato “Giallone”

    Rispondi
    • Evit

      6 Settembre 2019 at 23:08

      Qualcuno del team che lavora ai Griffin in italiano penso non sappia niente di niente, visto che gli sono sfuggiti tanti riferimenti cinematografici che anche un ignorante riconoscerebbe, immagino ci sia qualche figlio di qualcuno che ha appena finito le superiori e “l’inglese lo sa” quindi ci credo che non conosce Alf, ma questo vale anche per i giovani americani, non è che in America abbia continuato a passare in TV negli ultimi 30 anni, né ad essere menzionato regolarmente (nel 1995 nei Simpson Milhouse dice a Bart “remember Alf???” e nel 1998 compariva ad una convention insieme a Mark Hamill, entrambi star tramontate. Qui c’è una compilation di quei momenti). MacFarland tira fuori quelli che sono i riferimenti per la sua generazione dopotutto, chi adatta in italiano non può essere impreparato sulla cultura popolare degli anni ’80. La serie animata ce l’avevamo anche qui, ed era comparso anche nel cartone contro le droghe finanziato da Regan (doppiato anche in italiano), si vendevano gadget con la sua faccia, i fumetti, e per molti di quelli che oggi hanno 30+ anni era appuntamento fisso sulla RAI. Io il mio pelouche di Alf ce l’ho ancora nell’armadio. Sembra che abbia avuto un discreto seguito anche in Germania e altri paesi europei.

      Rispondi
      • SAM

        7 Settembre 2019 at 11:08

        No, Alf in USA è ancora famoso , specie da quando c’è internet .
        Bisogna capire una cosa , e cioè che in USA, dove producono i telefilm e cartoni, non hanno problemi di diritti di doppiaggio o altro.
        Da loro ci sono canali contenitori dove replicano a nastro tutto il vecchiume possibile per fare da tappabuchi.
        Da noi questa cosa è impensabile visto quanti casini ci sono tra diritti dei film e cartoni e detentori dei doppiaggi ( e relativi costi che diventano esorbitanti anche per prodotti stra-vecchi . Ti credo che nessuno li rimandi in onda !)
        Pensa a Netflix quanta roba ridoppia perché non gli concedono i doppiaggi ( specie Mediaset ) o perchè non vuole strapagarli preferendo ridoppiare.
        Bisognerebbe fare una legge internazionale i cui i doppiaggi siano a disposizione di chiunque, a patto di pagare una cifra standard ogni volta che lo si manda in onda ( un pò come accade con le canzoni).
        Ci guadagneremmo tutti.

        La battuta di Bart è un iperbole , messa quando Alf era finito da pochi anni e nessuno ne sentiva ancora la mancanza ( e mari aveva anche rotto le balle , a furia di vederlo ovunque, nei film, cartoni e fumetti) e si voleva mostrare i bimbiminkia dalla memoria corta o di cui frega nulla .
        Che poi Alf appartenga al passato ok, ma è ancora vivissimo nei ricordi degli americani ( e vedrai che prima o poi lo ritirano fuori, garantito !)
        In Italia ripeto, è stato trasmesso poco e male perché mandato dalla Rai ( mai fatto caso che i telefilm e cartoni più rari da trovare in italiano sono spesso della Rai ?), se lo prendeva Mediaset sarebbe stato 10 volte più popolare da noi .

  • Leo

    7 Settembre 2019 at 13:19

    Sam, che Alf sia ancora “famoso” negli USA come lo intendiamo noi secondo me è opinabile. Tanto per cominciare ho l’impressione che molti che lo nominano su internet hanno soltanto sentito parlare di lui tramite la cultura popolare (come quell’episodio dei Simpson di cui sopra, nel quale “rivive” sotto forma di pog collezionabili). E questo vale per tanti altri riferimenti “pop” vomitati a caso da Seth nel suo cartone, molti spettatori non hanno idea di cosa si stia facendo riferimento, solo che è “roba anni 80 e quindi fa ridere hahahah”.
    Era dappertutto? senza dubbio, come qualunque cosa di moderato successo dalla metà del ventesimo secolo ad oggi la sua faccia è stata schiaffata su ogni sorta di prodotto, nella corsa a sfruttarlo prima che svanisca dalla mente del consumatore. Se oggi è altrettanto caldamente ricordato? non ne sono sicuro.
    Per quanto riguarda i canali contenitori che menzioni della tv statunitense? A quanto ne so è roba che la gente dai sessanta in su vede, è pay per view sulla tv via cavo, roba dalla quale la nostra generazione dei (sigh) Millennial si sta lentamente ma inesorabilmente staccando… anche quelli come noi che ormai passano i 30-35 hanno già fatto la transizione definitiva a Netflix e roba simile. Sì, Alf è su Hulu, ma CHI usa Hulu?
    Per me ha perduto il proprio pubblico. L’ultima volta che l’ho visto andare in onda sulla tv italiana era a metà anni 90 su TMC. Se vuoi proprio scagliarti contro qualcuno, scagliati contro il loro cadavere mummificato, perché si sono portati nella tomba serie e film che nessuno poi, dopo la conversione in LA7, ha voluto più rinnovare. E così facendo anche certi doppiaggi sono praticamente spariti dalla circolazione. Vedi “Cin Cin”.
    Ah, e riguardo a Gigi Angelillo che ho visto che ti domandavi se doppia ancora, purtroppo ci ha lasciati quattro anni fa circa.

    Rispondi
    • SAM

      7 Settembre 2019 at 19:55

      Ma in USA la pay tv la si usa per le novità, poi i programmi vecchi li mandano sulle reti regionali o quelle contenitore , come accade da noi : solo che, mentre da noi fanno a raffica A-team e Supercar, loro possono replicare tutto il loro catalogo perché non hanno impedimenti di sorta in rinnovi diritti, doppiaggi e balle varie.
      E come tutti da noi sanno chi è l’A team e Supercar anche solo per sentito dire, tutti in USA sanno chi è Alf, almeno di nome .
      Per non parlare che che sempre da loro , tutto esce in DVD e quindi finisce sulla rete, recuperabile.
      L’esatto contrario nostro, dove, se non ci fossero i fan che hanno registrato tutto o quasi in tv e messo su internet, saremmo senza più nulla, a parte i ricordi .
      Il fatto poi che Alf venga citato di continuo su i Simpson, dimostra quanto sia famoso ancora oggi ( sempre in USA, all’ estero non so )
      Che quando citavano Milhouse con i pog, erano passati solo 6 anni dalla fine della sua serie in USA , non 20 .
      I doppiaggi in giro ci sono, il problema è che bisogna pagarli un frappo di soldi e costano quasi quanto un ridoppiaggio, quindi uno di pagare così tanto una serie vecchia, ci rinuncia.
      A questi sia aggiungono a volte strani giri di amicizie e costi di restauro che fanno lievitare i costi : per dirne una. .. . hai presente che sono usciti in dvd e BD le serie di Mazinga, Goldrake e Jeeg ? Ebbene le piste italiane appartenevano a una società italiana, la Mondo TV, che aveva tra i proprietari, un giapponese che faceva da agente per la Toei animation ( la casa dei robottoni sopra).
      Ora, quando i diritti delle serie sono passati alla Yamato Video, le piste audio sono state vendute dalla Mondo alla Toei, che a sua volta le ha rivendute a Yamato ( Perché nonv enderle direttamente a Yamato ? Mah).
      Poi è saltato fuori che i master di Jeeg erano talmente usurati che si è dovuto andare a cercare un privato svizzero che aveva delle copie in ottimo stato del doppiaggio usato poi per l’edizione uscita .
      Così, per dire .

      Rispondi

Rispondi