DISC INFERNO: Una poltrona per due (Blu-Ray Paramount 2019)

disc inferno copertina della rubrica

Disc Inferno è la rubrica breve che vi porta in un mondo di copertine DVD e Blu-Ray tradotte a cazzo di cane sciattamente e a volte comicamente. Fate partire la colonna sonora!

La copertina Blu-Ray di Una poltrona per due

Per la tradizionale visione natalizia di Una poltrona per due quest’anno, in concomitanza con la programmazione televisiva Mediaset, ho fatto ricorso ad una copia fisica in Blu-Ray che mi ha salvato da dozzine di minuti di pubblicità di Italia1. È il primo Natale che prendo in mano questo Blu-Ray perché, come tanti film ordinati su Amazon, anche questo, una volta consegnato dal postino, è finito per direttissima su uno scaffale a prendere polvere, in attesa di una futura visione.

Blu ray una poltrona per due edizione sentirsi bene e in forma

EAN: 5053083182854

È quindi la prima volta che osservo la copertina con più attenzione. Salta subito all’occhio quello slogan EDIZIONE “SENTIRSI BENE E IN FORMA” e a meno che non conosciate i dialoghi in inglese a memoria, non vi dirà assolutamente niente. Sembra piuttosto il nome di una rivista di salute. Ma non si tratta di un Blu-Ray allegato a Starbene. È solo la traduzione di chi non ha mai visto il film e non ne conosceva il contesto.

Chi ha tradotto questa copertina con la dicitura Edizione “sentirsi bene e in forma” (da Looking Good, Feeling Good Edition della versione americana dello stesso Blu-Ray) non ha capito che si trattava di una citazione dal finale del film, che ovviamente in italiano non era stata tradotta in modo “diretto”, perché al contrario di quanto credano in molti, non si può tradurre tutto alla lettera:

Una poltrona per due battuta te la godi BIlly Ray

Dialoghi originali:
Looking good, Billy Ray.
Feeling good, Louis.

Dialoghi italiani:
– Te la godi, vero, Billy Ray?
– E questo è solo l’inizio.

Che se volessimo tradurre più “direttamente” (per chi non mastica l’inglese) equivarrebbe a: ti vedo bene, Billy Ray. / E mi sento bene, Louis.
Per qualche ragione, questo scambio di battute “looking good / feeling good” è diventato uno di quelli “noti” e citati nel mondo anglosassone, tanto da finire su t-shirt, maglioni natalizi, copertina del Blu-Ray americano e di conseguenza anche sulla nostra, ma con una traduzione diretta che le fa perdere qualsiasi contatto col film. Sentirsi bene e in forma.

Non essendo possibile sfruttare la versione italiana di quella battuta (una “Te la godi” Edition non suona proprio benissimo), era forse il caso di puntare su un’altra delle dozzine di battute italiane che gli appassionati del film conoscono. Ma per fare un lavoro del genere, bisognerebbe anche conoscere il film. E come sempre, questo è un aspetto assolutamente irrilevante per la grandi case come la Paramount che delegano tutto ad aziende pagate poco e che lavorano per lo più “alla cieca” alla traduzione di questo tipo di materiali. Prima di arrivare nelle mani del consumatore, un Blu-Ray simile è già passato attraverso tante mani di gente pagata troppo poco perché gliene freghi qualcosa, e quindi che traduce looking good, feeling good con la cosa più sensata che gli è venuta in mente “sentirsi bene e in forma”, senza domandarsi il perché di tale curiosa dicitura. Il tempo è poco, la paga è poca, ci frega un cazzo. Doveva essere tradotto, è stato tradotto. Pagnotta portata a casa.

Tanto valeva chiamarlo “edizione 24 dicembre”, sarebbe sicuramente più pertinente. (Scherzo, non lo fate)

Un simile controllo qualità di solito si riflette anche sul retro.

La descrizione sul retro

retro copertina blu ray di Una poltrona per due

GIOCARSI IL TUTTO PER TUTTO

Cosa succede quando un magnate di Wall Street si imbatte in un furbissimo imbroglione? Scopritelo in questa commedia ormai classica, che ha aiutato a lanciare la carriera di due superstar di Hollywood EDDIE MURPHY e JAMIE LEE CURTIS. L’acclamato regista JOHN LANDIS porta sullo schermo la storia di un imbroglione squattrinato che prende il posto di unborioso investitore (DAN AYKROYD). Due ricconi sfondati (DON AMECHE e RALPH BELLAMY) si giocano tutto su una pazza scommessa… in un film che vi farà morire dalle risate!

Il testo del retro del Blu-Ray che ho qui riportato deriva da un copia e incolla del retro del vecchio DVD, si nota da quel refuso “unborioso” passato in eredità anche alla copertina del Blu-Ray. Vuol dire che non è stato neanche riletto mezza volta per correggerlo prima di mandarlo in stampa in 10.000 copie. Avrei anche dei dubbi sul modo in cui è stato riassunto il film ma del resto, se dal DVD del 2002 nessuno si è lamentato, andrà bene per forza.

retro DVD di Una poltrona per due

Il retro del vecchio DVD

L’edizione Blu-Ray italiana: povera e vecchia

Questa uscita italiana datata 2019 (la prima e fino ad ora unica uscita italiana in alta definizione), riprende l’edizione americana “Looking good, feeling good” vecchia di 12 anni (2007), privandola anche di tutti i contenuti speciali. Dimenticatevi dunque il documentario di 18 minuti fatto di interviste al cast, gli 8 minuti di “press junket” (interviste rapide) alla premiere britannica del film nel 1983, i 3 minuti di una scena eliminata in cui Biggs ruba il rapporto sulle arance (con commento audio optional), i 6 minuti di intervista alla costumista (e moglie del regista) Deborah Nadoolman (già costumista per I predatori dell’arca perduta), i 5 minuti di approfondimento che spiegano il finale del film, i 4 minuti di corto con i protagonisti che spiegano il film (a potenziali finanziatori suppongo) e “trivia pop-up”, un’opzione che durante il film fa comparire dei riquadri di testo che spiegano delle curiosità del film. Tutto questo è assente nell’edizione italiana che contiene solo ed esclusivamente il film.

Per di più, la versione del film contenuta nel disco italiano proviene da un master video antiquato per gli standard moderni. Non hanno fatto uso del nuovo restauro, anche se avrebbero potuto. Dal 2018 infatti, le uscite americane (la “35th Anniversary Edition” e le successive “Paramount Presents” 2020 e 2021) sfoggiano un immagine video che proviene da una nuova scansione, un salto niente male nei dettagli, nella grana, nel colore e nella nitidezza e nella naturalezza dell’immagine che la recensione sul sito Blu-Ray.com ha giudicato degno di 5 stelle.
Per l’Italia invece, nel 2019 esce un disco del 2007 e senza inserti speciali. Ed è l’unico che abbiamo. Poi frignano che il mercato dell’home video è morente, mentre prendono per i fondelli i consumatori. La stessa operazione, sempre Paramount, l’ha fatta con L’aereo più pazzo del mondo, in quel caso la truffa è stata ancora più cattiva perché l’edizione italiana usa la stessa copertina della versione rimasterizzata americana, ma ci hanno messo dentro un disco contenente il film da un trasferimento vecchio almeno di 10 anni.

Le differenze tra la versione americana più recente di Una poltrona per due e quella italiana possono essere osservate sul sito Caps-a-holic, sono stato io ad inviare screenshot del disco italiano per fare un confronto. Qui il link.

Consigli per gli acquisti

Consiglio dunque l’acquisto del Blu-Ray italiano? Non particolarmente. Se dovete vedervelo solo il 24 dicembre come ho fatto io, tanto vale che ve lo vediate su “Italia 1 HD” insieme a tutti gli altri telespettatori. È un appuntamento più sicuro della morte. La versione italiana presente in Blu-Ray è visivamente datata, il disco non contiene alcun inserto speciale e la copertina dice cose a caso perché tradotta da chi non gliene frega niente. Anche gli audiofili tra voi non saranno entusiasti del comparto audio. Se la traccia in inglese è in Dolby TrueHD, quella italiana è codificata in un poco interessante Dolby Digital 2.0 a 224 kbps che ormai è vecchio quanto il cucco (lo stesso del DVD per intenderci). Fa il suo lavoro ma non vi farà cascare dal divano.

Insomma, per usare ironicamente una frase del film: troppa grazia, Sant’Antonio!

Dell’adattamento del film non ho mai parlato in modo approfondito (vi posso dire che è splendido) ma agli inizi del blog mi ero chiesto perché il maggiordomo Coleman offrisse dell’aranciata al posto dello zabaione e ho dato rapidamente una spiegazione al titolo originale Trading Places (anche qui ottima la versione italiana). Magari un giorno dedicherò all’adattamento di questo film l’attenzione e l’approfondimento che merita. Per ora volevo solo lagnarmi dello stato dell’home video italiano.

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

14 Commenti

  • Cassidy

    28 Dicembre 2021 alle 14:00

    Siccome viviamo da sempre vite parallele ho fatto il tuo stesso acquisto come sai, proprio peeevitare le pubblicità e finire puntualmente a riguardare l’ultima scena due volte (prima sul supporto fisico e poi di nuovo su Italia 1… Malattia mentale). La frase in italiano sulla copertina non ha senso, sembra “Più sani più belli” quindi sarebbe stato meglio cercare il vecchio dvd con almeno i contenuti extra, queata versione male meno del dollaro dei Duke 😉 Cheers

    Rispondi
    • Evit

      30 Dicembre 2021 alle 09:55

      Vogliamo la versione “si sente bene e si vede meglio”.

      Non sapevo che il DVD contenesse quegli inserti speciali. Spero di trovarli su YouTube così da togliermi lo sfizio (la scena del furto del rapporto sulle arance l’ho trovata). Peccato che ancora non esista un commento audio al film, in nessuna versione.

      Rispondi
  • Gabriele Segapeli

    28 Dicembre 2021 alle 20:41

    Io ho il DVD, ma più che altro lo abbiamo registrato su Sky e probabilmente non la cancelleremo mai: è in HD, si sente bene e non abbiamo bisogno di altre copie.

    Rispondi
      • Alex_

        6 Gennaio 2022 alle 23:02

        La versione con i contenuti speciali è la seconda in dvd, uscita da noi nel 2007. Pochi minuti contenuti in un secondo disco e la scena eliminata è certamente la cosa più interessante (di sicuro tagliata perché in quel momento avrebbe spezzato in ritmo). Manca tantissimo un commento audio. Curiosamente, in questa seconda edizione dvd, il refuso “unborioso” è stato corretto. Quindi tocca pensare che la trama del bluray sia stata copiata direttamente dalla prima edizione dvd (magari si erano dimenticati della seconda!).

        Evit, magari in occasione del prossimo Natale falla una bella analisi di questo strepitoso adattamento… che in diversi momenti migliora anche l’originale!

      • Evit

        6 Gennaio 2022 alle 23:10

        Lo so, prima o poi devo parlarne per bene perché è un capolavoro.
        Grazie per le informazioni, almeno chi legge sa quale prendere. Che pena questa edizione blu ray sapendo che in DVD è uscita già con tutti gli extra

  • Elia Notari

    12 Febbraio 2022 alle 22:52

    Non so dove scriverlo, quindi posto qui una richiesta.
    Avreste voglia in futuro di dare un’occhiata al divertentissimo Giù al Nord? Ve lo chiedo perché penso adattatori e direttori di doppiaggio abbiano fatto un lavoro mostruoso nel trasporre in italiano la stranezza e diversità della lingua (o accento) Ch’tis, ottimo lavoro davvero.

    Rispondi
    • Evit

      12 Febbraio 2022 alle 23:28

      Ciao Elia, volentieri, ma temo che servirebbe qualcuno che conosca il francese ;D . Purtroppo sono limitato solo all’inglese, ma se in italiano funziona me lo godrò comunque. A dir la verità penso di averlo anche visto e lo ricordo divertente, dovrei rivederlo.

      Rispondi
  • Gabriele Segapeli

    11 Marzo 2022 alle 13:30

    Enrico, posso mandarti una email su una bizzarria scoperta (con l’aiuto di Lucius Etruscus) sulle tre tracce audio del Dracula di Todd Browning, in particolare su una bizzarria legata alla colonna sonora?

    Se no se vuoi scrivo un commento qui sotto, anche se è una cosa relativamente lunga. Ho bisogno del consulto di un esperto.

    Rispondi
  • Gabriele Segapeli

    13 Marzo 2022 alle 15:37

    Oggi realizzo il video in cui racconta questa storia dei mostri Universal. Posso citarti e ringraziarti per la tua consulenza o preferisci rimanere anonimo?

    Grazie ancora per la disponibilità comunque!

    Rispondi
    • Evit

      13 Marzo 2022 alle 15:54

      Penso che il vero ricercatore da citare qui è Lucius Etruscus del blog amico Il Zinefilo, è lui che ha fatto il lavorone sui film Universal. Per citare me ci saranno sicuramente altre occasioni 😄😉

      Rispondi
  • Gabriele Segapeli

    13 Marzo 2022 alle 16:04

    Ah, a lui ho già chiesto e praticamente lo citerò per tutto il video oltre a mettere in descrizione il link al suo articolo su Dracula e al video in cui confronta i doppiaggi di Dracula: praticamente è lui che mi ha fatto partire in questa folle ricerca ah ah ah

    Beh, alla fine probabilmente la tua ipotesi su una presunta traccia audio europea alternativa prodotta dalla Universal per i suoi film (piccola anticipazione: non riguarda solo Dracula) è la più concreta. Purtroppo non ho trovato prove certe o informazioni esaustive, capisco cosa provate voi altri quando parlate di doppiaggi perduti o su cui non si sa nulla.

    Comunque va bene, non ti citerò, o al limito farò riferimento ad un informatore anonimo: devo decidere tra “Gola Profonda”, “Giuda” (come quello di Anche gli angeli mangiano fagioli) o, per rimanere moderni e con film che adori, “Enigmista” 😉

    Rispondi

Rispondi