Alina Moradei veste in giallo

Alina Moradei dà la voce al personaggio di Jessica Fletcher nella serie “La Signora in Giallo” ed ogni volta che sentite la sua voce provenire dal televisore immediatamente pensate che sia l’ennesima puntata a base di uxoricidio, oppure di omicidio fatto passare per suicidio, per poi magari scoprire che è tutt’altra cosa, un film o un’altra serie tv. La sua lista di doppiaggi è difatti innumerevole (anche se di solito usata solo per un certo tipo di personaggi).
Oramai la voce della Moradei è automaticamente associata alla più grande ficcanaso della storia della televisione, un tempo tanto amata dagli italiani durante l’ora di pranzo e oggi giorno, a buon ragione, beatamente ignorata (è dal ’96 che è in replica!).
Proprio per questa univoca associazione, è più difficile per noi riconoscerci in quei film in cui Angela Lansbury non parla con la voce della Moradei! Che questo sia un bene o un male lo lascio decidere a voi.
Diciamocelo, la Signora in Giallo non sarebbe la Signora in Giallo senza quella voce da simpatica iettatrice! Già ve la sentite nelle orecchie appena vedete il volto della Lansbury.

Alina Moradei

POST SCRIPTUM
So che qualcuno dirà nei commenti “…a proposito, il titolo originale era Murder, she wrote… etc etc”. Sappiate che già ne accennai qui… e il titolo significa semplicemente “‘Omicidio!‘, scrisse”, titolo ispirato al film della serie di Miss Marple: Murder, she said‘ (“Omicidio!” esclamò) che in Italia è noto come Assassinio sul treno dato che il film inizia proprio con un omicidio su un treno di cui Miss Marple è testimone. Un film molto carino, bianco e nero e molto british. Ve lo consiglio per un sabato pomeriggio di pioggia.

 

Docente e blogger bilingue con il pallino per l'analisi degli adattamenti italiani e per la preservazione storica di film.

No Comments

  • Leo

    15 Dicembre 2011 at 10:37

    Uno dei più vivi esempi di associazione mentale immediata tra attore e voce italiana. Dacché trasmettono “La signora in giallo” la sua voce è stata una presenza costante all’ora di pranzo in tutta la penisola. Che dire? L’hai già detto tu, Evit: “Garantito al limone”! hahahahahaha

    Rispondi
  • Mad Hatter

    28 Dicembre 2011 at 01:07

    Una curiosità: fecero fare il provino a Isa Bellini sebbene sapessero che avrebbero dato la parte alla Mitica Moradei. (si parla del periodo in cui erano i direttori del doppiaggio italiani a decidere le voci da usare, e non le major americane). Io trovo che anche la Bellini sarebbe stata perfetta….ma guai a chi mi tocca la Moradei!
    E’ stato tenero, infine, sentire pochi mesi fa, la voce dell’odierna ottantatreenne Alina Moradei doppiare per la mediaset episodi della Signora in Giallo fino a pochi mesi fa inediti…
    La voce non si sposa più a meraviglia con il volto dell’allora giovane Angela, ma resterà sempre una perfetta simbiosi voce-volto!

    Rispondi
  • Evit

    28 Dicembre 2011 at 07:50

    Mi sono andato a sentire qualche lavoro della Bellini e devo dire che avrebbe potuto funzionare, anche se comprendo il perché della Moradei. Come dicevo, è una voce così caratteristica da essere riconoscibile letteralmente a occhi chiusi.
    Da quando le “major” americane hanno l’ultima parola su chi assumere come doppiatori secondo me hanno fatto più danni che altro. Adesso infatti sempre più spesso abbiamo doppiaggi fotocopia quando negli anni 70-80 spesso la recitazione era persino migliorata in molti casi rispetto all’originale.

    Rispondi

Rispondi