Trailer di Mission Impossible 5: CGIL CISL e UIL in pericolo

RENZI ALLA LEOPOLDA

Renzi alla Leopolda


Il 20 agosto 2015 uscirà in Italia il quinto capitolo di Mission Impossible, forse l’unica serie al mondo dove l’ultimo capitolo sembra migliore dei film precedenti. Difatti, dopo il primo film (decente parto degli anni ’90), il secondo episodio cambia stile e diventa un’oscenità unica sotto la direzione di John Woo (ancora rimpiango di averlo acquistato in DVD, mai più rivisto); il terzo era un vero e proprio aborto su pellicola, da chiedere il rimborso del biglietto anche se lo avevate scaricato pirata; il quarto non lo ricordo con disprezzo, anzi mi era sembrato niente male. Che il quinto segua l’andazzo e sia un film addirittura migliore?
Sebbene non ricordi assolutamente niente dell’adattamento dei precedenti capitoli e, ovviamente, non sappia niente dell’adattamento di questo quinto, un’occhiata al trailer appena uscito mi ha strappato una bella risata.
Eccovi le frasi più spassose dal nuovo trailer di “Mission Impossible 5“.

-“l’AI-EM-EF è ben addestrata e motivata.”
-“So che è sulla tracce del Sindacato. Come mai la CIA non ha mai avuto alcuna informazione sul Sindacato?”
-“il Sindacato esiste”
-“un anti AI-EM-EF
-“Vuoi sgominare il Sindacato? È impossibile”

C’è da sottolineare come spesso i trailer abbiano soltanto un doppiaggio provvisorio che non rispecchia sempre il prodotto finale, qualcuno ricorderà forse il trailer di Star Wars: Episodio 1 – La minaccia fantasma. Forse anche in questo caso il doppiaggio sarà più buono da Sergio. Si spera.
Ciononostante viene da chiedersi… Ethan Hunt combatterà la CGIL quest’anno? Non c’era altro modo di tradurre “Syndacate”? Davvero nello stesso film dovremo sentirci sigle americane pronunciate in italiano (CIA) accostate ad altre pronunciate in inglese (I.M.F.)? Coerenza, questa sconosciuta. Ma che senso ha avere un’organizzazione che nella lingua italiana viene chiamata “Il Sindacato”? A meno che tale organizzazione non si camuffi come, appunto, un sindacato dei lavoratori e abbia un suo senso all’interno della trama, altrimenti non si capisce perché dovrebbero avere tale nome e avrebbe più senso lasciargli il nome in inglese a quel punto (“Syndacate”), rispetto al “Sindacato”.
Non ho visto il trailer in inglese ma non ne ho bisogno! Posso scommetterci entrambe le palle e tutti i miei averi che in originale il nome di questa organizzazione è proprio Syndacate, se ho torto potete farvi avanti per reclamare tutto ciò che possiedo.
Per la cronaca, con “syndacate” in America si intende un’associazione a delinquere (solitamente è un termine usato per riferirsi alla mafia), mentre il sindacato dei lavoratori nella lingua inglese si chiama “union”. Inutile che andate su un dizionario e venite a scrivermi nei commenti “ma Evit… gnegnegné, c’è scritto che syndacate si traduce anche come sindacato…”, perché il sindacato dei lavoratori in inglese è Union…
…e basta!
febbre da cavallo
O faccio sgomberare il blog!
Ci aggiorniamo ad agosto in merito.

19 Comments

  • Andrea87

    26 Marzo 2015 at 02:51

    non dimenticare FBI letto “effe-bi-ai” (praticamente solo l’ultima lettera si pronuncia all’inglese!) 😀
    PS: il top degli adattamenti degli acronimi l’ho sentito in un episodio delle prime stagioni (non ricordo esattamente quale episodio) di NCIS (uno dei tf che è una gioia da guardare in italiano per quanto è ben curato, bisogna ammetterlo: per esempio è l’unico media che io conosca in cui adattano fedelmente i titoli e le battute dei film citati… avete mai provato fastidio per il taxi driveriano “stai parlando con me, eh?”? bene, qui non succede!) in cui, leggendo delle email, ad un certo punto dicevano
    “erre-emme-erre?”
    “è un acronimo capo, significa Rido Molto Rumorosamente!”
    praticamente hanno adattato “LOL”!
    PPS: sarebbe bello se dedicassi un post all’adattamento di “Balle Spaziali”, uno di quei film che avrebbero potuto (e dovuto!) farlo meglio in italiano, purtroppo…

    Rispondi
    • Evit

      26 Marzo 2015 at 09:33

      Fa piacere sapere che qualche serie tv riceva il giusto adattamento, un caso più unico che raro.
      Balle spaziali è fenomenale in italiano, che mi racconti Andre’?? RMR!!!

      Rispondi
  • Andrea87

    26 Marzo 2015 at 11:32

    non so, mi è sembrato in generale un buon doppiaggio con il solito adattamento mooolto libero tipico degli anni 80 quando in italia se ne fregavano di tutti i giochi di parole e battute originali e tiravano dritti per la loro strada senza perderci eccessivamente il sonno…
    infatti se da un lato ci sono genialate come il Ruttolomeo e lo Sforzo (e il caso volle che Stella SOLITARIA da noi faccia ancora più riferimento ad Ian SOLO), dall’altro ci sono i vari pizza margherita (avrei lasciato pizza the hut, meglio una battuta che al momento non si capisce che una totalmente travisata), colonnelli nunziatelli con le cagarelle (qui avrei adattato con “Qual è il problema Capitan Findus? è un baccalà?” per lasciare almeno il riferimento ad un famoso capitano immaginario), dorothy con accenti regionali vari (quando sono gratuiti li odio nei doppiaggi!) e soprattutto avrei chiamato Lord Casco “Glande Casco” che ci stava sia come personaggio con un grande casco che con il doppio senso originale sul glande e sullo sforzo (sono solo degli esempi che mi verrebbero su due piedi se dovessi adattare il film oggi, pur essendo un nessuno nel campo…)

    Rispondi
    • Evit

      26 Marzo 2015 at 11:42

      Se non stai attento, Evit ci va in puzza e ti fa a pezzi. Ti manda Vincenzino.
      Nunziatella è il nome di una famosa scuola militare a Napoli. Nunziatella/cacarella era favolosa.
      Forse ti sei abituato troppo ai doppiaggi moderni dove tutti i riferimenti sono mantenuti anche a scapito della battuta (nessuno conosceva pizza hut in Italia). In film così demenziali e con riferimenti culturali spinti, non c’è altra soluzione che reinventarsi un po’ tutto il copione. Mi azzardo persino a dire che alcune battute sono più divertenti in italiano e che perlomeno non sono un fiasco come nell’adattamento di L’Aereo più pazzo del mondo.
      Forse lo guardo troppo con il filtro della nostalgia, chissà. Comunque non mi disturbava nemmeno Dorothy, anche se le tue obiezioni sono fondate.

      Rispondi
  • Antonio L.

    26 Marzo 2015 at 11:48

    La battuta sul Capitan Findus mi è piaciuta tantissimo, hai un estro creativo niente male Andrea 🙂
    Credo che Dorothy fosse in italiano un’imitazione di Tina Pica, magari perché anche in originale imitava una nota attrice del passato oppure perché ben si adattava al personaggio. A me comunque il doppiaggio di Balle Spaziali piace tanto, è proprio un doppiaggio dei bei tempi andati.

    Rispondi
    • Leo

      27 Marzo 2015 at 02:12

      Dorothy nella versione originale si chiama Dot Matrix, come i display a matrice di una volta, e la voce gliela dava Joan Rivers, attrice comica deceduta l’anno scorso. La Rivers è stata definita comica “molto vera, a tratti ruvida, autodenigrante”. Credo che l’imitazione della voce di Tina Pica sia nata dall’associazione mentale con il ruolo di Dorothy nel film, una damigella d’onore, e i personaggi interpretati dall’attrice napoletana rimasti nell’immaginario del pubblico, come “Caramella”. Il ruolo della perpetua è qualcosa che credo le rimase appiccicato, io per esempio ricordo Beppa la casellante in “Destinazione Piovarolo” con protagonista Totò, che nell’incontrarla la scambia per un “giovanotto”.
      https://youtu.be/jVqMKtHPymo?t=6m25s

      Rispondi
  • Andrea87

    26 Marzo 2015 at 19:10

    beh, spero che almeno ti abbia fatto venire l’idea per un post su di un film cult 😉
    PS: sempre a proposito di Pizza Hut nel film “Demolition Man” per evitare che la battuta “Oggi ogni ristorante è un Pizza Hut!” venga persa nei paesi dove quella catena non esiste, venne girata in 2 versioni con l’alternativa che diceva “Taco Bell”. Ironicamente da noi non esistevano (e non esistono tuttora) nessuno dei 2 franchise xD

    Mi pare che da noi dica Pizza Hut (che è la versione internazionale) coi sottotitoli però fedeli all’originale versione USA per cui scrivono Taco Bell xD

    Rispondi
    • Evit

      26 Marzo 2015 at 19:26

      Balle Spaziali mi è stato suggerito più volte e certamente sarà un dovere parlarne, un giorno.
      Di Pizza Hutt/Taco Bell in Demolition Man penso che ne abbiamo parlato estensivamente in passato (nei commenti di qualche altro articolo). Me la faccio volentieri una capricciosa… 😉
      In quel film l’unica frase che trovo più divertente in inglese è quando Stallone ordina alla macchina mal funzionante di fermarsi e prima di schiantarsi urla “break, you Mikey Mouse piece of shiiiiiiiiiiiit!”. Rido sempre a quella battuta.

      Rispondi
  • Carmelo

    26 Marzo 2015 at 23:40

    Credo che meriti spazio anche l’ottimo adattamento del film di cui ho già menzionato, La pazza storia del mondo”, certe battute hanno davvero migliorato molto la pellicola:
    -Maestà, il popolo è in rivolta!
    -Si, da sempre lo trovo rivoltante!….Pull! BANG!
    😀

    Rispondi
    • Evit

      26 Marzo 2015 at 23:52

      Sono per me tutti classici già mandati giù a memoria in italiano dalla mia adolescenza, citati tutt’ora quasi quotidianamente. Ho quasi il timore che la mia opinione in merito a quei film sia influenzata eccessivamente dalla nostalgia.
      Ma come ho già detto molte volte, sicuramente ne parlerò in futuro. Ci sono così tanti film che meritano di essere analizzati che ho materiale per una vita intera in teoria. Non so se la cosa dovrebbe rassicurami o angosciarmi. :))

      Rispondi
  • John Doom

    13 Aprile 2015 at 13:54

    Combattono i sindacati? Si tratta di censura del nostro governo? 😀
    Sfortunatamente, viene chiamato “Sindacato” anche nel quarto film, quindi non c’è speranza :\
    Quel Syndacate credo fosse presente anche nel telefilm, ma non ricordo come era stato adattato.
    La sigla IMF è sempre stata I-EMME-EFFE, e tale DEVE restare; così la sua traduzione (“Reparto Missione Impossibile”, se non sbaglio)… Altrimenti qui non si compra più prosciutto :\
    Anche se ormai questi film non hanno più niente a che fare con le puntate originali, dovrebbero usre le stessa traduzioni, secondo me.
    Scrivendo dei film, credo siano tutti almeno decenti (tranne il terzo, con tutti i suoi clichè). Il problema è che non appartengono più al genere del telefilm originale, ed è come una pugnalata alle spalle dei fan (come me, che ho passato più tempo a modificarli che a vederli)! :S
    Il primo film è secondo me il più riuscito, pur avendo alcune scene fuori dal genere… poi Ethan incontra la Talpa, ed il film sprofonda sempre più nel ridicolo, vuoi per l’improvviso cambiamento di personalità della Talpa, vuoi per la ridicola scena con Ethan aggrappato al treno (voluta da Cruise) 😀
    So che Peter Graves ha contestato quello che hanno fatto al suo personaggio, ma le sue motivazioni hanno senso: dice che dopo la guerra fredda il loro lavoro all’IMF è stato messo da parte ed hanno perso importanza e, ironia della sorte, questa è stata la stessa sorte del telefilm (e del suo personaggio).
    Nemmeno il quarto era male, salvo per la LENTISSIMA scena iniziale ed alcuni gadget troppo fantascientifici per i miei gusti (come quella specie di jetpack).

    Rispondi
    • Evit

      13 Aprile 2015 at 14:05

      Andrebbe benissimo i-emme-effe.
      Dei film l’unica pecca del secondo è che non lo trovo abbastanza interessante da volerlo rivedere… mai! Il primo film se è in TV lo guardo perché contiene ancora una grossa componente di spionaggio vecchio stile (mista al nuovo) ed è in generale ben realizzato. Anche la scena del treno non mi disturba. Ricordiamoci che in quegli anni c’era anche Goldeneye al cinema, quindi almeno UNA scena incredibilmente stupida era sempre attesa.
      Il terzo rimane un aborto di tubero.

      Rispondi
    • Evit

      4 Giugno 2015 at 22:03

      Ahah, beh mi sono già sfogato abbastanza su questo film. Guardiamo e passiamo avanti. Rimane vergognoso che non si possa più adattare nulla quando si tratta di grandi produzioni americane.
      Scusate se il materiale scritto tarda ad arrivare ma sono in attesa di pubblicare ben due interviste e devo trovare il tempo di parlare di un film in dettaglio che volevo analizzare da tanto tempo. Non è che la produzione video su YouTube ha sostituito quella del blog, piuttosto senza quella su YouTube non vedreste mai niente di nuovo sul blog perché al momento non ho molto tempo di mettermi a scrivere ;P

      Rispondi

Rispondi